True Blood

interessante

Semiserial

truebloodNon sarebbe estate senza True Blood. Non solo perché, anche quest’anno, a differenza del caldo sole la sesta stagione non si è fatta attendere più di troppo per allietarci con la sua dose di sangue, sesso gratuito e accento del sud, ma anche perché una serie come True Blood è fin nella sua essenza legata all’afa, al sudore e soprattutto al trash di cui sono intrisi mesi come luglio e agosto, quel trash che porta la gente a indossare scarpe orribili come le Crocs, a rimpiangere ancora il Festivalbar e leggere di nascosto sotto l’ombrellone gli articoli di Cronaca Vera. Perché è inutile nasconderlo: quello che accompagna lo spettatore navigato di True Blood è un sentimento complesso, lo stesso che ti farà concludere la visione dell’episodio pilota esclamando il tuo più sonoro “che è stammerda?”, ma che ti porterà poi subdolamente a guardare anche il secondo, e dopo il…

View original post 690 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...